Uccide figlio a fucilate: raptus dopo una lite

Redazione
23/08/2012

Una terribile tragedia familiare: un padre ha imbracciato il suo fucile da caccia e ha esploso due colpi contro il...

Uccide figlio a fucilate: raptus dopo una lite

Una terribile tragedia familiare: un padre ha imbracciato il suo fucile da caccia e ha esploso due colpi contro il figlio, uccidendolo.
È accaduto nella tarda serata del 23 agosto ad Aprilia, in via Perugia, nel giardino di una villetta di un quartiere di periferia.
La vittima è Fabrizio Fraccaroli, 34 anni. L’omicida è il padre Pietro, pensionato di 70 anni, che, al culmine dell’ennesima lite con il figlio, ha preso il fucile che aveva in casa e ha sparato in preda a un raptus.
All’arrivo dei carabinieri del reparto territoriale, Fraccaroli è subito stato arrestato e condotto in caserma.
IL FIGLIO È MORTO POCHI MINUTI DOPO. Secondo una prima ricostruzione, il figlio si è accasciato a terra ed è morto dopo pochi minuti, prima ancora che arrivassero i soccorsi.
I vicini di casa, allarmati dagli spari, hanno subito chiamato i carabinieri, ma all’arrivo dei militari e dei soccorsi del 118 il giovane era già morto.
La vittima viveva nella stessa casa dei due anziani genitori, insieme a sua moglie, ma con loro però aveva sempre avuto rapporti difficili.
Una convivenza caratterizzata da continui litigi e anche da episodi di violenza. Infatti in passato il 34enne era stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e i rapporti continuavano a essere tesi. Il 22 agosto, il tragico epilogo.