Ucraina, Cnn: «Zaluzhny licenziato entro la fine della settimana»

Redazione
01/02/2024

Il capo dell’esercito lunedì 29 gennaio era stato convocato dal presidente Zelensky per un colloquio. Secondo fonti vicine alla questione gli è stato comunicato l'esonero. Da tempo circolano voci su una spaccatura tra i due leader in merito alla controffensiva contro la Russia.

Ucraina, Cnn: «Zaluzhny licenziato entro la fine della settimana»

Il capo dell’esercito ucraino Valerii Zaluzhny lunedì 29 gennaio è stato convocato dal presidente Volodymyr Zelensky nel suo ufficio per un colloquio durante il quale, secondo fonti vicine alla questione sentite dalla Cnn, gli è stato riferito che sarebbe stato licenziato. Nell’incontro, descritto come «calmo», il leader ucraino avrebbe offerto a Zaluzhny una posizione diversa, che però il comandante ha rifiutato. L’anticipazione del quotidiano americano arriva dopo settimane di crescenti speculazioni sulle tensioni tra Zelensky e il capo dell’esercito. Lunedì, il portavoce presidenziale Serhiy Nykyforov ha detto alla Cnn che le voci sul licenziamento del capo dell’esercito non erano vere.

Budanov e Syrskyi tra i possibili successori 

Sul licenziamento di Zalunzhny non è stato fatto ancora nessun annuncio formale ma, secondo le fonti sentite dalla Cnn, entro la fine della settimana è atteso un decreto presidenziale che lo dimetterebbe ufficialmente dal suo incarico. Sarebbe il più grande cambiamento militare da parte di Zelensky dall’inizio dell’invasione della Russia. Le voci sull’incontro e sul licenziamento di Zaluzhny hanno rafforzato le speculazioni su una spaccatura tra il presidente ucraino e il suo comandante in seguito al fallimento della controffensiva dello scorso anno. Per quanto riguarda i possibili successori del capo dell’esercito, le fonti riferiscono due nomi: uno è l’attuale capo della direzione dell’intelligence della difesa, il 38enne Kyrylo Budanov, e l’altro è Oleksandr Syrskyi, attualmente comandante delle forze terrestri ucraine.