L’Ucraina ancora non si fida: «Non ci sono prove che Prigozhin sia morto»

Redazione
22/01/2024

Il capo dell'intelligence militare di Kyiv Kyrylo Budanov ha sollevato dubbi sulla fine del leader del Gruppo Wagner. Aggiungendo che la stessa compagnia militare indipendente di mercenari privati «ancora esiste».

L’Ucraina ancora non si fida: «Non ci sono prove che Prigozhin sia morto»

Dopo cinque mesi da quell’aereo misteriosamente precipitato, ancora nessuna certezza. Il capo dell’intelligence militare ucraina (Gur), Kyrylo Budanov, ha detto al Financial Times che non sono vere le notizie secondo cui è stato sciolto il Gruppo Wagner, compagnia militare indipendente di mercenari privati, protagonista del golpe fallito – e per qualcuno persino inscenato – nel giugno del 2023. Budanov ha affermato inoltre che la morte del leader Yevgeny Prigozhin, confermata da Mosca dopo il test del Dna, non può essere verificata. «Wagner esiste», ha dichiarato infatti Budanov, respingendo le notizie secondo cui il gruppo è stato sciolto. Il capo dell’intelligence di Kyiv ha poi commentato le dichiarazioni sulla morte di Prigozhin in un incidente aereo nell’agosto 2023. «Non vorrei affrettarmi a trarre conclusioni», ha detto. Il Cremlino da sempre nega qualsiasi coinvolgimento nell’incidente. Tuttavia il suo corpo non è mai stato visto in pubblico. «Non sto dicendo che non sia morto o che sia morto», ha precisato Budanov. «Sto dicendo che non ci sono prove che sia morto».