Una casa per il pesce rosso

Redazione
13/10/2010

di Daria Simeone A salvare il pesce rosso dalla claustrofobia, costretto in un’angusta boccia di vetro, è sempre stata la...

Una casa per il pesce rosso

di Daria Simeone

A salvare il pesce rosso dalla claustrofobia, costretto in un’angusta boccia di vetro, è sempre stata la sua pessima memoria a breve termine: pare addirittura che, ogni volta che ripassa davanti al castello in miniatura immerso al centro della boccia, l’animale stupito esclami dentro di sé: «Toh, un castellino». Questa teoria, però, non deve aver convinto Teddy Luong, giovane designer canadese che, interpretando la frustrazione del pesce muto, ha creato l’appartamento e persino il “condominio” per pesci rossi.

Una casa nella casa
Il “Fish Condo” offre la possibilità di sistemare il proprio pesce in uno spazio minimalista, pulito e contemporaneo, che si abbina perfettamente all’appartamento che lo contiene. Il designer Luong suggerisce di impilare una struttura sull’altra per dare al pesce più stanze in cui nuotare oppure, di separare i blocchi, per creare un vero condominio acquatico multipiano in cui far alloggiare specie di pesci che è meglio non tenere troppo vicini.

Dove trovarlo
L’elegante acquario è costituito da una vaschetta di vetro inserita in un contenitore di leggera plastica bianca, con tanto di “finestre” su ogni lato. L’invenzione ha fruttato a Luong il premio Build a better. Ma soprattutto il giovane designer è riuscito a convincere il sito Unicahome a vendere la sua creazione, per 25 dollari.