Una frana travolge 300 case

Redazione
28/09/2010

L’enorme frana, che nella notte tra il 27 e il 28 settembre ha travolto circa 300 case a Santa Maria...

L’enorme frana, che nella notte tra il 27 e il 28 settembre ha travolto circa 300 case a Santa Maria di Tlahuitoltepec, ha colpito una delle zone più povere del Messico. Il paese di 10 mila abitanti dista circa quattro ore di auto da Oaxaca, la capitale dell’omonimo Stato. Il timore è che la slavina abbia sopreso nel sonno un migliaio di persone.
A causare il disastro, le piogge torrenziali che da 12 giorni continuano ininterrottamente a colpire l’area in seguito al passaggio delle tempeste tropicali Karl e Matthew. Le precipitazioni hanno portato al cedimento di più di 200 metri del crinale della collina soprastante Santa Maria.
Stando a quanto ha riferito da Javier Rueda Velázquez, ministro messicano della Pubblica sicurezza, le pessime condizioni metereologiche stanno rallentando le operazioni di salvataggio, in cui sono coinvolti circa 300 poliziotti affiancati da vigili del fuoco e volontari provenienti da tutto il Paese.
Oltre alla frana, quattro fiumi sono esondati danneggiando 5 mila abitazioni.
L’Unità di crisi della Farnesina e l’ambasciata d’Italia in Messico si sono attivate per accertare l’eventuale coinvolgimento di connazionali. Lo precisano fonti del ministero degli Esteri.