Una settimana in più per il federalismo

Redazione
21/01/2011

Il Consiglio dei ministri ha deciso il rinvio di una settimana dei termini per il voto del parere sul decreto...

Una settimana in più per il federalismo

Il Consiglio dei ministri ha deciso il rinvio di una settimana dei termini per il voto del parere sul decreto attuativo del federalismo fiscale sul fisco comunale che doveva essere esaminato nella commissione bicamerale entro il 28 gennaio.
Il rinvio di una settimana, spiegano le fonti, è stato proposto dal ministro della Semplificazione, Roberto Calderoli. Il governo, in questo modo, ha concesso sette giorni in più alla commissione per discutere ed approvare il testo, il cui via libera in questo modo slitterà da mercoledì 26 gennaio al 2 febbraio. Si tratta di un passaggio politico che non comporta nessuna proroga della delega.
IL TERZO POLO CHIEDE 6 MESI I sette giorni concessi in più dal governo non sono molti dato il complesso dei problemi che vengono posti sul testo, ma le ipotesi di modifica che il Terzo Polo chiede sono puntuali e messe nero su bianco e anche tecnicamente pronte, dunque spetta al governo fare una scelta politica su questi punti. È questa la valutazione del Terzo Polo sullo slittamento dei tempi d’esame del decreto sul fisco municipale accordato dal Cdm e spiegata in una conferenza stampa sul provvedimento con i componenti della Commissione Bicamerale di Udc, Gianluca Galletti, di Futuro e Libertà, Mario Baldassarri e Api(Linda Lanzillotta insieme a Mario Tasssone (Udc) .
LA PERNACCHIA Una sonora pernacchia: così il leader della Lega, Umberto Bossi, ha risposto ai cronisti che gli chiedono se sia possibile un rinvio di sei mesi per il varo del Federalismo, come chiedono le opposizioni.