Le priorità che l’Ue deve affrontare secondo Moavero

In cima alla lista del ministro degli Esteri c'è l'immigrazione. L'Italia chiede solidarietà, condivisione degli oneri e più fondi per lo sviluppo dei Paesi d'origine dei flussi.

23 Maggio 2019 14.11
Like me!

Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi ha detto che dopo le elezioni del 26 maggio l'Unione europea dovrà affrontare «cinque priorità». La prima? Anche il titolare della Farnesina non ha dubbi: «Lo dico da italiano, da europeo e da cittadino del mondo: si tratta dell'immigrazione». Per Moavero il Vecchio Continente è alle prese con «flussi epocali» che «devono essere affrontati con solidarietà e condivisione dall'Ue, per l'Ue, con l'Ue». Questo significa «investire di più nei Paesi d'origine, ma naturalmente bisogna stanziare i fondi», che al momento sarebbero «totalmente insufficienti». Il voto rappresenta «un appuntamento al quale si deve assolutamente partecipare», perché potrebbe determinare «una stagione costituente dell'Europa a venire».

DARE AL PARLAMENTO EUROPEO IL POTERE DI INIZIATIVA LEGISLATIVA

Secondo Moavero, inoltre, occorre riformare l'architettura delle istituzioni comunitarie: «Il bicameralismo europeo è molto asimmetrico. In alcune materie cruciali come Bilancio, Esteri e Difesa il Consiglio europeo è l'unico legislatore. Credo che vada riconosciuto un ruolo del parlamento, con una rappresentanza che possa esercitare l'iniziativa legislativa. Per quanto riguarda invece il Consiglio europeo, è essenziale introdurre il principio della maggioranza, con l'unanimità non si decide nulla».

INVESTIMENTI EUROPEI PER USCIRE DAL CIRCOLO DEL DEBITO

Un'altra priorità che l'Unione europea dovrà affrontare riguarda il tema degli investimenti. Secondo Moavero occorre uscire da un circolo vizioso, quello per cui Paesi che hanno «maggior bisogno di investimenti sono bloccati perché hanno accumulato troppo deficit o debito. La soluzione è più investimenti europei». Nell'agenda dei problemi da risolvere anche il nodo della sicurezza comune e la sfida del cambiamento climatico, definita una «realtà tangibile» che contribuisce anche a innescare i flussi migratori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *