Chi è l'uomo ritrovato carbonizzato a Milano

Chi è l’uomo ritrovato carbonizzato a Milano

06 Aprile 2019 11.46
Like me!

È stato identificato ufficialmente il cadavere tagliato a pezzi e dato alle fiamme sabato 30 marzo nel quartiere Bovisasca, a Milano. La vittima si chiamava Cristian Giovanny Tautiva Hernandez, era un colombiano di 23 anni. A permettere il riconoscimento è stata l'impronta di un pollice rilevata dalla Scientifica sul corpo carbonizzato. La Squadra mobile ha ricevuto il riscontro dalla divisione Sirene del servizio di cooperazione internazionale, che ha scoperto una denuncia per la scomparsa del giovane presentata in Spagna, Paese da cui, secondo quanto accertato, era partito il 28 marzo.

LEGGI ANCHE: Cadavere carbonizzato ritrovato a Milano: fermati due uomini​

FERMATI TRE COLOMBIANI

Per l'omicidio sono stati bloccati tre connazionali: Ronaldo Jhonatan Vega Hernandez detto "Pericles", di 21 anni, il coetaneo Dilan Mateus Carddenas detto "Mateo", e il 38enne Arley William Gomez Arango. A quest'ultimo è contestato di aver fatto a pezzi il cadavere e di aver aiutato a distruggerlo. Uno di loro sarebbe stato bloccato dalla polizia mentre tentava di partire per Madrid partendo dall'aeroporto di Malpensa. Subito dopo il fermo il pm di Milano, Paolo Storari, ha tenuto una conferenza stampa spiegando che la vittima sarebbe stata uccisa dopo «un litigio» durante una festa in una casa nella zona dove viveva uno dei tre colombiani «per motivi futili, per ruggini e vicende pregresse ancora da chiarire». In quella casa gli investigatori hanno trovato tracce di sangue e della benzina, liquido che sarebbe stato usato per appiccare il fuoco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *