Usa 2024, Trump attacca Nikki Haley: «È alleata con i comunisti»

Redazione
23/01/2024

The Donald contro la sua unica rivale rimasta nelle Primarie repubblicane, dopo il ritiro di DeSantis: «Le persone che la supportano sono pro-Cina, pro-Biden. Lei vuole alzare l'età pensionabile e tassare i lavoratori».

Usa 2024, Trump attacca Nikki Haley: «È alleata con i comunisti»

Trump accusa, Haley tiene il punto. È andato in scena un nuovo attacco di Donald Trump destinato alla sua orami unica contendente nel mondo repubblicano, Nikki Haley. Il tycoon statunitense da un comizio a Laconia, in New Hampshire, alla vigilia delle Primarie nello Stato ha accusato la candidata repubblicana di essere «alleata con i comunisti e gli estremisti di sinistra». E poi ha aggiunto: «Le persone che supportano Nikky sono pro-Cina, pro-Biden. Lei vuole alzare l’età pensionabile e tassare i lavoratori».

Trump: «Haley non è abbastanza forte». La replica: «Ho costretto la Cina a sottoscrivere sanzioni contro la Corea del Nord»

Dopo il ritiro del governatore della Florida Ron DeSantis, Nikki Haley è l’unico ostacolo tra Donal Trump e la terza candidatura per la Casa Bianca. Il 21 gennaio l’ex presidente degli Stati Uniti aveva attaccato la già governatrice della South Carolina spiegando che «non è abbastanza tosta, non è abbastanza intelligente. Non può avere a che fare con Xi Jinping, Putin o Kim Jongun, persone molto brave». Accusa rispedita al mittente dalla stessa Haley che aveva commentato: «Donald Trump dice che non sono abbastanza forte per affrontare Xi Jinping. Io ho costretto la Cina a sottoscrivere la serie di sanzioni più dure di sempre nei confronti della Corea del Nord. Trump si è congratulato con il Partito comunista cinese per il suo 70esimo compleanno. Ditemi voi chi non è abbastanza duro».