Usa, Toys R Us verso la chiusura: 33.000 posti di lavoro a rischio

Redazione
15/03/2018

Toys 'R' Us ha comunicato ai suoi dipendenti che probabilmente venderà o chiuderà tutti i suoi negozi di vendita. Lo...

Usa, Toys R Us verso la chiusura: 33.000 posti di lavoro a rischio

Toys 'R' Us ha comunicato ai suoi dipendenti che probabilmente venderà o chiuderà tutti i suoi negozi di vendita. Lo riporta il Wall Street Journal, sottolineando che la mossa mette a rischio 33.000 posti di lavoro. L'ex colosso dei giocattoli, che ha fatto ricorso alla bancarotta lo scorso settembre, ha più 700 punti vendita negli Stati Uniti, inclusi quelli con il marchio Babies 'R' Us. Un'eventuale liquidazione sarebbe una delle maggiori negli Stati Uniti da quando The Sport Authority ha fatto bancarotta nel 2016, chiudendo più di 460 negozi e licenziando 14.500 lavoratori.

ISTANZA GIA' PRESENTATA ALLA CORTE. In giornata l'azienda ha presentato alla corte la richiesta di liquidazione per la bancarotta, cercando il via libera per chiudere le sue attività americane. L'ormai ex colosso dei giocattoli punta anche a riorganizzare e vendere la sua divisione canadese e le sue attività in Asia e nell'Europa Centrale. «Sono molto deluso dal risultato, ma non abbiamo più il sostegno finanziario per continuare le attività negli Usa» ha affermato l'amministratore delegato Dave Brandon. «Stiamo quindi attuando un ordinato processo per chiuderle».

DIFFICILE UN ACCORDO COI CREDITORI. Nonostante la bancarotta con il Chapter 11, Toys 'R' Us sta incontrando difficoltà a raggiungere un accordo con i creditori per la ristrutturazione del debito. A questo si sono aggiunte le vendite deboli durante delle festività, che hanno allontanato la speranza di chiudere un accordo con i creditori per ristrutturare i suoi 5 miliardi di dollari di debito. Un mix che ha spinto la società a valutare seriamente la possibilità di liquidare le sue operazioni negli Stati Uniti, dove ha già annunciato che chiuderà 184 punti vendita, il 20% dei circa 800 punti vendita americani.

LA DIFFICILE CONCORRENZA CON L'ECOMMERCE. Toys 'R' Us è entrata in bancarotta in settembre con l'obiettivo di emerge come una società più snella e in grado di essere più competitiva. L'ex colosso dei giocattoli ha ottenuto un prestito da 3,1 miliardi di dollari per mantenere i negozi aperti durante il tentativo di rilancio. Un'eventuale scomparsa di Toys 'R' Us negli Stati Uniti sarebbe l'ennesima prova di come il commercio al dettaglio tradizionale è un settore ormai in netta crisi. E di come il mondo dei giocattoli, messo al muro dai videogiochi, soffra.

[mupvideo idp=”5653616765001″ vid=””]