Usa, ok della Camera all’indagine per l’impeachment di Biden

redazione
14/12/2023

Nonostante non siano finora emersi capi d'accusa, con questa mossa i repubblicani trumpiani cercano di mettere in difficoltà il presidente nel corso della campagna elettorale per il 2024.

Usa, ok della Camera all’indagine per l’impeachment di Biden

Con 221 voti a favore e 212 contrari, mercoledì sera la Camera Usa a maggioranza repubblicana ha dato l’ok all’avvio dell’inchiesta per l’impeachment del presidente Joe Biden. Nonostante nel corso dell’indagine informale già condotta dal Gop sotto la spinta di Donald Trump e dai suoi fedelissimi non siano emersi veri e propri capi d’accusa, i repubblicani sperano di provare che Biden, prima di insediarsi alla Casa Bianca, abbia in qualità di vice di Barack Obama facilitato in qualche modo gli affari di famiglia e abbia mentito dicendo di non essere a conoscenza di attività illecite compiute da membri della sua famiglia, in particolare dal figlio Hunter al momento sotto processo per accuse di evasione fiscale e violazione delle leggi sul possesso di armi. L’obiettivo è scoprire qualche elemento penalmente rilevante che possa mettere in difficoltà il Commander in chief proprio durante la campagna elettorale per le Presidenziali 2024.

Un’eventuale incriminazione sarebbe bloccata dal Senato a maggioranza democratica

L’inchiesta infatti potrebbe durare a lungo, come ha fatto intendere la deputata trumpiana della Georgia Marjorie Taylor Greene. «Quello che voglio vedere è che si scavi davvero in profondità, con una inchiesta dettagliata, non importa quanto lunga, e potrebbero volerci mesi e mesi», ha detto Greene ai giornalisti. «Potrebbe continuare fino alle elezioni di novembre». Meno convinti i repubblicani moderati che temono un effetto boomerang in caso l’indagine non porti a nulla. Proprio per questo lo speaker Mike Johnson ha recentemente tentato di rassicurare gli indecisi ricordando come l’autorizzazione all’indagine non comporti automaticamente l’impeachment per il presidente. «I repubblicani sono concentrati nell’attaccarmi con delle menzogne», ha commentato secco Biden. «Ma le loro sono solo acrobazie politiche senza fondamento». Vero è che dopo la fine dell’indagine, il Gop dovrà decidere se incriminare formalmente il presidente aprendo così il processo per impeachment alla Camera. Ma perché questo avvenga è necessario il voto del Senato che però è a maggioranza democratica e dunque bloccherà la richiesta.