Usa, proposti cuscinetti per fondi monetari

Redazione
24/08/2012

L’industria da 2.600 miliardi di dollari dei fondi monetari si appresta ad affrontare un’azione coordinata delle autorità americane che la...

Usa, proposti cuscinetti per fondi monetari

L’industria da 2.600 miliardi di dollari dei fondi monetari si appresta ad affrontare un’azione coordinata delle autorità americane che la considerano un rischio sistemico.
PRONTO PIANO B. Secondo il New York Times, dopo il ritiro della Sec, che ha cancellato a sorpresa il voto previsto sulle nuove regole per il settore in mancanza della maggioranza, il Tesoro americano ha avviato consultazioni con la Fed e le altre autorità per valutare le prossime mosse, ossia un piano B.
«Il Tesoro si sta consultando con la Fed, la Sec e le altre autorità per considerare i prossimi passi per ridurre i rischi alla stabilità finanziaria posti dai fondi monetari» ha affermato il Tesoro.
OBBLIGO CUSCINETTI CAPITALI. I fondi monetari sono stabili, ma vulnerabili a possibili fughe da parte degli investitori e la Sec avrebbe voluto introdurre l’obbligo per loro di accantonare cuscinetti di capitale per evitare eventuale panico, così come quello che si era verificato per Reserve Primary Fund nel 2008.
Una delle ipotesi è che il Financial Stability Oversight Council, nel quale siedono le autorità finanziarie americane, stabilisca che i fondi monetari sono sistematicamente importanti in modo da far scattare regole più stringenti.