Usa, YouTube caccia i blogger pro armi che si rifugiano su PornHub

Redazione
22/03/2018

I fatti di Parkland non hanno avuto ripercussioni solo sull'opinione pubblica ma anche sui colossi del web. YouTube ha bannato...

Usa, YouTube caccia i blogger pro armi che si rifugiano su PornHub

I fatti di Parkland non hanno avuto ripercussioni solo sull'opinione pubblica ma anche sui colossi del web. YouTube ha bannato centinaia di video che mostrano persone che costruiscono o modificano armi da fuoco. Non solo. A suo tempo aveva bannato video collegati alla vendita di pistole, fucili e accessori.

UTENTI MIGRANTI SU PORNHUB. Il primo effetto è stato che diversi entusiasti delle armi hanno notato che i loro canali video sulla piattaforma erano stati sospesi e i loro video cancellati. Molti di loro sono insorti dicendo la la scelta rappresenta un'erosione dei diritti civili, mentre altri hanno semplicemente deciso di cambiare piattaforma, finendo per postare video su PornHub.

YOUTUBER: «SI VIOLA LA NOSTRA LIBERTA'». Due noti youtuber, Karl Kasarda e Ian McCollum fondatori della rivista InRangeTV hanno confermato di aver abbandonato la piattaforma per postare i loro video su Facebook e il popolare sito a luci rosse. «Non stiamo cercando alcuna forma di monetizzazione da PornHub», hanno raccontato in un comunicato stampa, «stiamo cercando un porto sicuro per i nostri contenuti e per i nostri spettatori».

PESA LA MANCANZA DI UNA TRANSIZIONE. Il produttore d'armi Spike's Tactical ha detto che il cambio di rotta del colosso dei video è un tentativo: «di ridurre lentamente le nostre libertà e erodere i nostri diritti». Il videomaker Joerg Sprave ha detto a Motherboard di aver apprezzato la scelta anche se avvenuta in modo netto senza un periodo di transizione.

CRITICE A YOUTUBE PER I VIDEO NELL'APP PER BIMBI. Recentemente YouTube era stato pesantemente criticato dopo che il Sun aveva scoperto un video con le istruzione per costruire un fucile ad aria compressa su YouTube Kids, l'app della piattaforma per i bambini. Nonostante sia un applicazione per i più piccoli la selezione dei video viene curata da un algoritmo e spesso vengono individuati filmati inappropriati.

[mupvideo idp=”5751463287001″ vid=””]