Due morti in Valchiavenna mentre praticavano canyoning

Le vittime sono austriache e facevano parte di una comitiva di sette persone, impegnate nella discesa di un torrente.

03 Agosto 2019 12.34
Like me!

Sono austriaci i due turisti morti Val Bodengo, nel territorio di Gordona (Sondrio) mentre praticavano il canyoning, sport acquatico che consiste nella discesa gole strette. I due uomini hanno perso la vita in un torrente, fatto di strette anse e gole profonde, che solca la vallata alpina all’imbocco della Valchiavenna. A dare l’allarme sarebbero stati gli altri componenti della comitiva, composta da sette persone.

COMPLESSO IL RECUPERO DEI CORPI

Secondo quanto ricostruito i due turisti sarebbero andati a sbattere contro le rocce cadendo dall’appiglio. La dinamica, però, è ancora in fase di definizione. Illesi invece gli altri cinque amici e connazionali delle vittime. Il recupero dei due corpi è stato particolarmente complesso e impegnativo, in un caso eseguito tramite la tecnica del contrappeso, data anche la forte portata d’acqua della cascata. I soccorritori, infatti, si sono calati lungo una cascata e hanno visto uno dei due uomini intrappolato nelle corde, senza vita, sotto il getto dell’acqua. Successivamente è stato poi localizzato anche il secondo disperso, che si trovava in una pozza circa 300 metri più a valle. Le salme sono quindi state portate all’obitorio dell’ospedale di Chiavenna, a disposizione del magistrato di turno alla Procura di Sondrio che deve decidere se disporre l’autopsia. Sul luogo della disgrazia, per le prime indagini, oltre ai Vigili del fuoco di Mese, i militari del Sagf della Guardia di finanza di Chiavenna.

COS’È IL CANYONING

Conosciuto anche con il nome di torrentismo, il canyoning è uno sport estivo avventuroso, ma adatto a tutti che permette di scivolare e tuffarsi nelle grandi e profonde pozze di torrenti come quelli della Valchiavenna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 1

  1. Che sia adatto a tutti è una leggenda.
    Purtroppo è visto come una specie di giornata al luna park ma richiede una presenza fisica, psicologica e tecnica di un certo tipo. Anche se accompagnati da guide (che non sempre sono preparate peraltro).
    Il numero di incidenti è elevatissimo in un contesto dove gli interventi di soccorso sono complicatissimi… dietro c’è un bel business e quindi le guide portano chiunque

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *