Il Vaticano rifiuta una donazione di Leonardo da un milione e mezzo destinata al Bambin Gesù

Redazione
12/01/2024

No, da parte della Santa Sede, al denaro dell'azienda specializzata in sistemi di difesa. «Inopportuno in questo periodo di guerre» in cui il Papa, quotidianamente, si schiera contro i conflitti e le industrie belliche.

Il Vaticano rifiuta una donazione di Leonardo da un milione e mezzo destinata al Bambin Gesù

La partecipata del ministero dell’Economia e delle Finanze Leonardo aveva pianificato una donazione per il Bambin Gesù di Roma, l’ospedale proprietà del Vaticano, che però ha rinunciato al fondo da un milione e mezzo di euro. L’azienda, proprietà dello Stato per il 30 per cento e guidata da Stefano Pontecorvo, si occupa di difesa, aerospaziale e sicurezza. È questo il motivo per cui l’attuale dirigenza, presieduta da Tiziano Onesti, ha detto no: «L’abbiamo fatto per non mettere in imbarazzo la Santa Sede proprio in questo periodo alle prese con guerre sanguinose, che il Pontefice denuncia ogni giorno». Quotidianamente Bergoglio si schiera infatti contro i conflitti in corso e contro le industrie belliche.

La replica di Leonardo: «Noi lavoriamo per la sicurezza, niente armi»

Pronta la risposta di Leonardo: «In tutti i teatri di guerra in corso, a partire dall’Ucraina e dal Medio Oriente, non c’è nessun sistema offensivo di nostra produzione. Noi lavoriamo per la sicurezza con sistemi all’avanguardia, droni per la vigilanza, ma niente armi. Volevamo solo raccogliere gli appelli del Papa per aiutare i più bisognosi, i bambini malati, i poveri. Non capiamo questo rifiuto».