Vendola: «Federalismo mostruoso»

Redazione
02/02/2011

Sarà anticipato alle 12 e 45 del 3 febbraio il voto della Commissione bicamerale per il federalismo fiscale sul decreto...

Vendola: «Federalismo mostruoso»

Sarà anticipato alle 12 e 45 del 3 febbraio il voto della Commissione bicamerale per il federalismo fiscale sul decreto sul fisco municipale. Lo ha deciso l’ufficio di presidenza della Commissione, che ha stabilito che la seduta inizierà alle 11,30 con le dichiarazioni di voto, anziché alle 14 come previsto finora. Dopo il voto, alle 13 e 30 ci sarà una conferenza stampa alla Camera del presidente della Bicamerale, Enrico La Loggia.
Intanto il 2 febbraio è stata l’Udc a chiedere alla Lega Nord «un confronto serio e i numeri di questo federalismo, cioé quanto costa», ha detto il segretario dei centristi, Lorenzo Cesa secondo cui il federalismo comporterà più tasse e danni agli enti locali: «Se passa questo provvedimento alla fine sconquasseremo il sistema degli enti locali, dei comuni, e soprattutto metteremo le mani nelle tasche degli italiani».
APERTURA SULL’IVA. Davanti a tante critiche e richieste dell’opposizione, un’apertura del ministro della semplificazione Roberto Calderoli c’è stata. Il ministro nella seduta del 2 febbraio della Bicamerale avrebbe infatti aperto all’ipotesi della compartecipazione all’Iva per i comuni. La misura scatterebbe in una seconda fase mentre per un primo periodo resterebbe la compartecipazione all’Irpef.
Quella della compartecipazione all’Iva era una richiesta avanzata, in particolare, dal senatore di Fli Mario Baldassarri. L’ipotesi era stata vagliata ma inizialmente scartata per la difficoltà di reperire il dato di questa imposta a livello comunale. Ma Baldassarri non è comunque soddisfatto dalla risposta di Calderoli: «Ho presentato un disegno organico sul quale non è possibile avere risposte parziali», ha detto.
Il federalismo, «così come è stato voluto da questo governo, è una creatura mostruosa, è un’osso di seppia che insieme ai rifiuti possiamo trovare sulla battigia nella bassa marea», è invece il commento del presidente della regione Puglia, Nichi Vendola. Che al termine di una audizione presso la Commissione di indagine sui rifiuti ha spiegato: «Al momento in Italia c’é una dittatura della vergogna, questo federalismo, è bene ribadirlo, ormai non piace più neanche a una parte importante della Lega. Questo tentativo di riforma è soltanto un passaggio elettorale favorito dal centrodestra del Sud che è vassallo della Lega».