A Venezia i posti letto per i turisti sorpassano quelli per i residenti

Redazione
18/12/2023

La disponibilità di strutture per i soggiorni brevi ha raggiunto quota 50.016 superando il numero di quelle per gli abitanti, che sono 49.211.

A Venezia i posti letto per i turisti sorpassano quelli per i residenti

A Venezia i posti letto disponibili per i turisti hanno superato quelli per i residenti. «Serve un blocco immediato delle aperture delle locazioni turistiche, i posti letto vanno contingentati», è l’appello di Matteo Secchi, del gruppo Venessia.com, realtà che dà voce alla città, ai suoi abitanti e ai suoi problemi.

LEGGI ANCHE: Overtourism, troppi turisti fanno male alle città: come rimediare?

Sempre più residenti si trasferiscono sulla terraferma

Lo spopolamento e il sorpasso dei posti letto per turisti (50.016) rispetto al numero dei residenti (49.211) è un problema che la città di Venezia sta cercando di affrontare da tempo. Negli ultimi mesi, l’impennata delle locazioni brevi è stata senza precedenti e ha portato alla nascita di 800 nuovi posti letto, a fronte di una popolazione che sempre più spesso decide di trasferirsi in terraferma, esasperata dalla monocultura turistica che rende difficile la vita nel centro storico. «Come è stato fatto un regolamento anti paccottiglia, per dare un freno all’apertura dei negozi di souvenir, servirebbe limitare anche la proliferazione di locazioni brevi», sostiene Secchi, che aggiunge anche come «spesso e volentieri queste strutture vengano gestite da persone esterne alla città, mentre sono i residenti a farsi carico dei disagi connessi».