Verdini indagato per fatture false

Redazione
20/01/2011

Denis Verdini, deputato del Pdl e coordinatore del partito, risulta indagato a Firenze per emissione di fatture false nell’ambito dell’inchiesta...

Denis Verdini, deputato del Pdl e coordinatore del partito, risulta indagato a Firenze per emissione di fatture false nell’ambito dell’inchiesta sul Credito cooperativo fiorentino, di cui è stato presidente fino al luglio 2010. Verdini era già accusato di mendacio bancario. L’inchiesta vede coinvolti alcuni avvocati, perquisiti due giorni fa. La Procura accusa Verdini di aver emesso fatture per consulenze inesistenti per un valore di circa trecentomila euro.
LE PERQUISIZIONI Il 18 gennaio, nell’ambito dell’inchiesta sono stati perquisiti gli studi legali Olivetti Rason e Agnoloni, a Firenze, e Pisaneschi a Siena. Cinque i nuovi indagati: fra loro Andrea Pisaneschi, presidente di Antonveneta, accusato di emissione di fatture per operazioni inesistenti. I pm ipotizzano, tra l’altro, fatturazioni emesse da Verdini per collaborazioni mai svolte con studi legali che avevano ottenuto consulenze per un mutuo da 150 milioni contratto nel 2008 dalla Btp con un pool di banche.