Vincolo della Soprintendenza sullo stadio di San Siro: le motivazioni

Redazione
08/08/2023

Nei documenti inviati al comune di Milano viene specificata l'importanza del «secondo anello» con il quale «si completa l'immagine di vero e proprio stadio, che non aveva mai posseduto dalle origini».

Vincolo della Soprintendenza sullo stadio di San Siro: le motivazioni

Sono state rese pubbliche le motivazioni con le quali la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città metropolitana di Milano ha deciso di porre il vincolo storico sullo stadio San Siro, ritenendo che «per il secondo anello, possano sussistere i requisiti di interesse culturale», come si legge nei documenti inviati al comune di Milano e diffusi dall’Ansa. La «soluzione strutturale da 132 portali» costituisce «l’ossatura che sostiene le gradinate, le scale, le rampe di accesso, i ripiani e le passerelle di servizio».

Nei documenti inviati al comune di Milano da parte della Soprintendenza, si leggono le motivazioni del vincolo sullo stadio San Siro.
Stadio San Siro (Imagoeconomica).

I documenti e le motivazioni

Proseguendo, nei documenti della Soprintendenza di cui l’Ansa ha preso visione, si legge che «Di particolare interesse è il disegno dei portali, che hanno la forma di due braccia tese in diagonale (l’una al di sopra delle gradinate del primo anello, l’altra al di fuori del vecchio muro perimetrale dello stesso), denominate nel gergo di cantiere, rispettivamente, elefante e giraffa». E ancora «Nella struttura le scale hanno uno sbocco a vomitorio, una componente dello stadio classico. La rilevanza architettonica del secondo anello risiede nella capacità degli autori (ing. Ferruccio Calzolari, arch. Armando Ronca) di tradurre i vincoli tecnici in espressività, e [lo stadio] aveva acquisito quell’aspetto fortemente caratterizzato dalle rampe avvolgenti la costruzione in fasce plastiche di aggetti e rientranze e in alternanze di chiari e di scuri. Le stesse [rampe] assumono un suggestivo significato simbolico, portando la folla, vera protagonista delle architetture degli stadi, fin sulle pareti e trasformano le ordinarie murature in luoghi vissuti di percorsi dinamici».

Il secondo anello e l’immagine dello stadio

Andando avanti con la lettura dei contenuti all’interno dei documenti diffusi dall’agenzia si apprende che «Con la costruzione del secondo anello, per San Siro, finalmente, si completa l’immagine di vero e proprio stadio, che non aveva mai posseduto dalle origini (in rapporto a quelli contemporanei di Torino, Genova, Bologna e Firenze), forma che si era appena profilata soltanto con il primo ampliamento del 1937-39. È evidente, quindi, dalle immagini storiche, come lo stadio fosse organicamente compiuto con la costruzione del secondo anello ancora quasi totalmente visibile e fruibile sotto le sovrastrutture del terzo anello e della copertura». In conclusione «Per quanto premesso, questa Soprintendenza ritiene che, per il secondo anello, possano sussistere i requisiti di interesse culturale semplice necessari per una verifica positiva ai sensi degli artt. 10 e 12 del DLgs n. 42/2004 e successive modifiche».