Il confronto tra le parole di Visco e Tria sull’economia italiana

Il governatore di Bankitalia chiede prudenza sui conti. E avverte: «Siamo in stagnazione». Il ministro replica ottimista: «Fugati tutti i dubbi». Divergenze anche sui numeri.

12 Luglio 2019 13.18
Like me!

Bene il calo dello spread, ma non basta. Il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, intervenendo all’Assemblea dell’Abi registra la discesa del differenziale Btp-Bund al di sotto dei 200 punti base «con la decisione della Commissione europea di non raccomandare l’avvio di una procedura per disavanzo eccessivo». Tuttavia, sottolinea Visco, «per consolidare questi risultati e ridurre ulteriormente il costo del debito pubblico l’orientamento prudente della politica di bilancio andrà confermato in un quadro di più lungo periodo».

ECONOMIA IN STAGNAZIONE, PIL A +0,1% NEL 2019

La risposta dei mercati, dice il governatore di Bankitalia, «è la dimostrazione che è possibile innestare un circolo virtuoso tra politica di bilancio e condizioni finanziarie dal quale può derivare un impulso forte e duraturo dell’attività economica». In questo momento, spiega Visco, nonostante il lieve miglioramento nel primo trimestre di quest’anno «in Italia l’attività economica ristagna, risentendo soprattutto della perdita di vigore del ciclo industriale. Nella proiezione centrale riportata nel bollettino la crescita del Pil è pari allo 0,1% nel 2019 e a poco meno dell’1 nella media del biennio successivo».

PER TRIA TUTTI I DUBBI SONO STATI FUGATI

Una visione meno ottimistica di quella espressa, alla stessa assemblea, dal ministro dell’Economia Giovanni Tria: «Un anno fa ero qui a descrivere uno scenario significativamente diverso dall’attuale, e sono sfumati, di fronte alla realtà dei fatti e delle azioni, i dubbi immotivatamente diffusi sulle coerenze politiche del nuovo governo con il quadro delle regole europee». Qualche divergenza anche sui numeri: «Riteniamo che la previsione della crescita del Pil per il 2019 allo 0,2% reale e all’1,2% nominale sia ancora valida seppure permangano rischi al ribasso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *