Morto anche il secondo bimbo travolto dal suv a Vittoria

Simone e Alessio erano stati investiti dall'auto. Alessio era morto quasi sul colpo. Simone, invece, era stato trasportato in condizioni critiche in ospedale dove aveva subito l'amputazione delle gambe.

14 Luglio 2019 13.08
Like me!

Il piccolo Simone D’Antonio non ce l’ha fatta. Il bambino era stato falciato insieme al cugino Alessio a Vittoria, in provincia di Ragusa, dal suv guidato da Rosario Greco. L’uomo si era messo al volante sotto effetto di alcol e cocaina non vedendo i due cuginetti che camminavano lungo la strada. Il bimbo era ricoverato al Policlinico di Messina dove gli erano state amputate anche le gambe.

I FUNERALI DI ALESSIO TRAVOLTO DAL SUV A VITTORIA

Prima della notizia della morte del piccolo Simone D’Antonio, la città di Vittoria si era stretta attorno alla famiglia di Alessio. Domenica 14 luglio, alle 10.30, la comunità si era riunita per l’ultimo saluto al bambino investito. L’autopsia, disposta dalla Procura ed effettuata sabato prima della sepoltura, ha svelato che l’11enne è morto a causa di una forte emorragia che non poteva essere curata. «Oggi Alessio e’ con noi e lo sarà sempre. Il suo sacrificio non resti vano», ha tuonato il Vescovo di Ragusa Carmelo Cuttitta.

Ci vogliono muti, ma questo è il momento di urlare. Lo dobbiamo fare per noi, per i nostri figli, per i più piccoli come…

Publiée par Paolo Borrometi sur Samedi 13 juillet 2019

INSULTI NEI CONFRONTI DEL GIORNALISTA BORROMETTI

Intanto sui social sono piovuti insulti e minacce nei confronti del giornalista Paolo Borrometti che ha seguito da vicino la vicenda. Ad attaccarlo gli amici di Angelo Ventura, l’autista del suv che ha provocato la morte ai due cugini. «Ci vogliono muti, ma questo è il momento di urlare. Lo dobbiamo fare per noi, per i nostri figli, per i più piccoli come Alessio e Simone», ha scritto su Facebook postando l’immagine dei due cugini. «Perché mentre piangiamo il piccolo Alessio e preghiamo per il cuginetto Simone (Borrometti ha scritto il post prima della tragica morte del bambino, ndr), a Vittoria continua ad accadere di tutto e lo Stato purtroppo arranca. Uno degli indagati per omissione di soccorso e favoreggiamento dell’omicida di Alessio è Angelo Ventura, il figlio del boss Titta Ventura. E Angelo Ventura, candidamente su Facebook scrive che è “addolorato”», si legge ancora nel lungo sfogo affidato ai social network.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *