I voli blu del governo M5s-Lega

I voli blu del governo M5s-Lega

13 Febbraio 2019 15.40
Like me!

Il governo M5s-Lega, che aveva promesso di smantellare i privilegi della casta, per ora sembra cedere agli stessi vizi degli esecutivi precedenti. Almeno per quanto riguarda i voli blu, usati in particolare dal M5s per “denunciare” gli sprechi delle amministrazioni precedenti, non sembra esserci stato un grande Cambiamento. Secondo quanto riporta Il Fatto Quotidiano, «il 24 dicembre, la vigilia di Natale, Palazzo Chigi ha firmato un contratto da 120 mila euro – “affidamento in economia” – per il catering sugli aerei di Stato. Il 31 dicembre, il giorno del veglione, la stessa struttura ha ordinato 1.482 euro in vini per i passeggeri». Ogni dicembre Palazzo Chigi pianifica le spese per il ristoro a bordo e stanzia sempre all’incirca 120 mila euro. Il governo di Conte non ha ribaltato la tradizione.

Nella narrativa della rinuncia spartana ai lussi, l'amministrazione pentastellata non mostra grande trasparenza nemmeno sul numero di voli. Sempre secondo il quotidiano, dal 1 luglio al 29 ottobre 2018, sul sito della presidenza del Consiglio sono indicate soltanto 25 "missioni" della flotta che trasporta premier e ministri. Ma, aggiungendo i voli del capo dello Stato, del premier e dei presidenti delle Camere, ne sono state fatte almeno 105. I trasferimenti aerei delle prime quattro cariche dello Stato, infatti, non hanno l'obbligo di trasparenza che hanno quelli dei ministri. Secondo il Fatto, la discrepanza non si giustifica con le visite istituzionali delle più alte cariche dello Stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *