WhatsApp potrebbe far bene alla salute

Redazione

WhatsApp potrebbe far bene alla salute

Una ricerca della Edge Hill University ha dimostrato che passare molto tempo sull'app di messaggistica e far parte di chat di gruppo può migliorare il livello di autostima degli utenti.

01 Luglio 2019 15.58
Like me!

WhatsApp, secondo una ricerca appena pubblicata dalla Edge Hill University, farebbe bene alla salute e migliorerebbe la nostra autostima, soprattutto quando usiamo i “famigerati” gruppi. La dottoressa Linda Kaye, docente di psicologia e autrice dello studio, sostiene infatti che l’app di messaggistica possa avere un impatto positivo sul benessere interiore.

LEGGI ANCHE: Cosa sappiamo sul bug di sicurezza scoperto da WhatsApp

STUDIO SU UN GRUPPO DI 200 UTENTI, LA MAGGIOR PARTE DONNE

La ricerca, pubblicata sul Journal of Human-Computer Interaction, ha coinvolto 200 utenti, di cui 158 donne e 42 uomini, con un’età media di 24 anni. In media i soggetti studiati hanno usato l’app per 55 minuti al giorno e hanno apprezzato in particolare la possibilità di formare gruppi. Chi ha passato più tempo su WhatsApp si è sentito meno solo e la sua autostima è risultata in aumento, per la possibilità di tenersi costantemente in contatto con amici e familiari.

I GRUPPI E IL SENTIMENTO DI AFFILIAZIONE

La dottoressa Kaye ha spiegato: «Molti affermano che passare il tempo sui social media sia dannoso per il nostro benessere, noi abbiamo scoperto che potrebbe non essere una cosa così negativa». Le relazioni intrattenute via chat dagli utenti, infatti, «sono state percepite come relazioni di buona qualità». Lo stesso discorso, rafforzato, è valido per la partecipazione ai gruppi, un comportamento capace di generare un sentimento di affiliazione che è risultato correlato positivamente con il livello di autostima. La dottoressa Kaye ha concluso così: «Più le amicizie sono interconnesse e più le persone si sentono vicine ai propri gruppi su WhatsApp, maggiore è la percezione positiva della propria autostima e delle proprie compentenze sociali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *