Windjet, proteste all’aeroporto di Catania

Redazione
25/08/2012

Ancora scioperi dei dipendenti della Windjet in bancarotta. All’aeroporto di Catania, al termine di un’assemblea sindacale di Cgil, Cisl e...

Windjet, proteste all’aeroporto di Catania

Ancora scioperi dei dipendenti della Windjet in bancarotta. All’aeroporto di Catania, al termine di un’assemblea sindacale di Cgil, Cisl e Uil, il 25 agosto è ripresa la protesta, sospesa nei giorni scorsi, dei lavoratori, che chiedono di tornare a lavorare dopo lo stop ai voli deciso dalla compagnia low cost siciliana.
Al picchetto hanno preso parte un centinaio di persone tra piloti, assistenti di volo e dipendenti della Katane Handling, una delle aziende dell’indotto.
«Siamo qui stamane insieme ai dipendenti, in attesa di novità sul fronte Windjet e sull’impegno del governo, per tenere alta la protesta e l’attenzione sullo scalo di Catania, strategico per il territorio e l’intera regione», ha affermato il segretario territoriale della Cisl etnea Rosaria Rotolo, sul posto insieme ai segretari della Cgil e Cisl etnea, Angelo Villari e Alfio Giulio.
Il 28 agosto Cgil Cisl e Uil parteciperanno a un incontro sul tema Windjet tra il prefetto di Catania e l’assessore regionale al Lavoro Giuseppe Spampinato, nel quale chiederanno la convocazione del presidente dell’Enac e di tutti i rappresentanti delle società di handling dello scalo e della Sac. «Per quanto riguarda i 504 lavoratori di Windjet in cassa integrazione, pretenderemo che si possano ricollocare all’interno di società di trasporto aereo, al di là di quella che sarà la proprietà di Windjet», ha anticipato Rotolo.

«504 addetti vogliono tornare a volare»

La manifestazione di protesta dei lavoratori della Windjet nell’aeroporto di Catania si è conclusa intorno alle 10. Un presidio dei dipendenti della compagnia aerea è in programma martedì prossimo 28 agosto alle 9 davanti alla Prefettura di Catania, in occasione di un incontro con il Prefetto. La protesta nello scalo non ha avuto ripercussioni per i viaggiatori. I lavoratori della compagnia aerea, con fischietti e megafono, hanno manifestato all’interno dello scalo scandendo slogan come «Vogliamo lavorare».
A sfilare tra i passeggeri anche alcune assistenti di volo con le mani legate con il foulard della divisa dentro un carrello usato per trasportare i bagagli fuori misura. I dipendenti della compagnia low cost hanno inoltre esposto alcuni cartelli con le scritte a pennarello «La Sicilia senza Wind Jet è sempre più isola…ta»; sopra un cartellone capovolto con la foto di un aereo della compagnia un altro cartellone con la scritta «504 dipendenti vogliono tornare a volare».