Il social X ha licenziato oltre 1.200 moderatori dei contenuti

Redazione
11/01/2024

Lo ha rilevato l'autorità australiana per la sicurezza digitale, che ha aggiunto come l'acquisizione della piattaforma da parte di Elon Musk abbia coinciso con un picco nella diffusione dei post offensivi.

Il social X ha licenziato oltre 1.200 moderatori dei contenuti

Secondo i dati raccolti dall’autorità australiana per la sicurezza digitale, la piattaforma social X di Elon Musk avrebbe licenziato più di 1.200 dipendenti in tutto il mondo che facevano parte dei team di moderazione dei contenuti offensivi e illeciti sul social. Lo riporta l’Afp, sottolineando che questi tagli del personale, aggiungendosi alla decisione di Musk di riattivare migliaia di profili che erano stati sospesi, avrebbero peggiorato la diffusione dei contenuti offensivi su X.

LEGGI ANCHE: Non solo il crollo del valore di X: perché con Musk l’ex Twitter sta vivendo così tanti guai

L’autorità australiana: «Si sono abbassate notevolmente le difese sul social»

Secondo le analisi dell’autorità australiana, l’acquisizione di X da parte di Elon Musk – il cui obiettivo con il social «è portare la libertà di espressione in tutto il pianeta» – ha coinciso con un «picco» nel numero di post che contengono «tossicità e odio» sulla piattaforma. La commissaria australiana per la sicurezza digitale Julie Inman Grant ha dichiarato all’Afp: «Rimuovere l’80 per cento di questi ingegneri specializzati è come se Volvo, rinomata per i suoi standard di sicurezza, si separasse da tutti i suoi progettisti o ingegneri», per questo è «la situazione peggiore, abbassi notevolmente le tue difese e introduci di nuovo sulla piattaforma dei recidivi».