Yemen: il Regno Unito sospende la vendita di armi ai sauditi

La decisione del governo britannico, i cui missili e aerei sono cruciali per la campagna di Riad contro gli Houthi, dopo una sentenza del tribunale di Londra che ha dichiarato illegali le forniture.

20 Giugno 2019 17.26
Like me!

Il governo britannico ha deciso di sospendere l’ok al via libera di nuove forniture di armi all’Arabia Saudita e agli altri Paesi della coalizione coinvolta nella guerra nello Yemen dopo il verdetto della Corte d’appello di Londra che ha dichiarato illegale la procedura finora seguita. Lo ha annunciato il ministro del Commercio Estero, Liam Fox, alla Camera dei Comuni, precisando tuttavia che l’esecutivo non condivide il parere dei giudici e intende far ricorso di fronte a un terzo grado di giudizio contro la sentenza.

IL GOVERNO NON AUTORIZZA ALTRE LICENZE

«Il governo non autorizzerà altre licenze per l’esportazione (di armi) all’Arabia Saudita e ai partner della sua coalizione» finché non formalizzerà le sue decisioni su come procedere a livello legale, ha precisato Fox. Secondo il ministro, il verdetto di oggi «non stabilisce se le decisioni del governo sull’autorizzazione delle licenze (passate) siano state giuste o sbagliate, ma riguarda la razionalità del processo adottato per raggiungerle». E comunque «non mette in discussione i criteri fin qui seguiti, e condivisi con gli Stati membri dell’Ue», per evitare una palese violazione formale del «diritto umanitario internazionale».

LA VITTORIA DEI PACIFISTI

Al di là dei tecnicismi, tuttavia, la sentenza odierna nasce da un ricorso dei pacifisti di Campaign Against Arms Trade che denunciavano come gli armamenti britannici (come quelli di altri Paesi occidentali) esportati in Arabia Saudita fossero stati in effetti usati da Riad per bombardamenti sanguinosi e indiscriminati sullo Yemen, anche contro i civili. Denuncia condivisa alla Camera dall’opposizione laburista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *