Zelensky negli Stati Uniti per sbloccare i fondi per l’Ucraina

Redazione
11/12/2023

Il presidente ucraino incontrerà Biden e perorerà la sua causa davanti ai senatori repubblicani che, per adesso, hanno bloccato un nuovo pacchetto di aiuti destinati a Kyiv. In programma anche un colloquio con lo speaker della Camera Mike Johnson. Arriverà direttamente da Buenos Aires, dove ha presenziato all’insediamento di Milei.

Zelensky negli Stati Uniti per sbloccare i fondi per l’Ucraina

Joe Biden ha invitato Volodymyr Zelensky alla Casa Bianca, il 12 dicembre, per discutere dei bisogni attuali di Kyiv e rassicurare l’omologo ucraino sul proseguimento del sostegno militare americano, promessa che per il momento non è riuscito a mantenere visto lo stallo al Congresso. L’invito è stato ovviamente raccolto da Zelensky, che approfitterà della visita a Washington per perorare la causa dell’Ucraina davanti ai senatori repubblicani che si oppongono a nuovi stanziamenti, mentre si stanno esaurendo gli aiuti già messi a bilancio.

Zelensky negli Stati Uniti per sbloccare i fondi per l’Ucraina: incontro con Biden e discorso al senato Usa.

Volodymyr Zelensky (Getty Images). 

Lo stallo del Senato sui 106 miliardi di dollari destinati principalmente a Ucraina e Israele

L’incontro si terrà pochi giorni dopo che i senatori repubblicani hanno bloccato 106 miliardi di dollari in aiuti di emergenza, destinati principalmente all’Ucraina e a Israele, in risposta all’esclusione delle riforme delle norme sull’immigrazione che avevano richiesto come parte del pacchetto. Una pesante battuta d’arresto per Biden, che aveva esortato i legislatori ad approvare i fondi, avvertendo come Vladimir Putin non si sarebbe fermato all’Ucraina e che lo zar avrebbe potuto persino attaccare una nazione Nato.

Zelensky negli Stati Uniti per sbloccare i fondi per l’Ucraina: incontro con Biden e discorso al senato Usa.
Joe Biden (Getty Images).

Zelensky incontrerà Biden alla Casa Bianca e poi parlerà al Senato degli Stati Uniti

L’ufficio presidenziale ha fatto sapere che Zelensky arriverà a Washington lunedì: il leader ucraino incontrerà Biden durante una visita di lavoro che includerà «una serie di incontri e discussioni». Zelensky è stato anche invitato a parlare ai senatori degli Stati Uniti martedì mattina in Campidoglio, una settimana dopo aver dato buca all’ultimo momento a un incontro in videoconferenza. Il leader della maggioranza democratica che lo aveva invitato, Charles Schumer, si era limitato a riferire di un«problema improvviso» gli aveva impedito di partecipare. Il presidente ucraino avrà anche un incontro con Mike Johnson, nuovo speaker della Camera. «Mentre la Russia intensifica gli attacchi missilistici e con droni contro l’Ucraina, i leader discuteranno delle necessità urgenti dell’Ucraina e dell’importanza vitale del continuo sostegno degli Stati Uniti in questo momento critico», si legge in un comunicato della Casa Bianca.

Baci e abbracci con Milei, Zelensky a caccia di aiuti anche in Argentina

Zelensky arriverà a Washington direttamente da Buenos Aires, dove ha presenziato all’insediamento dell’istrionico nuovo presidente Javier Milei, il quale ha promesso «una nuova era di pace e prosperità» ai suoi connazionali. Milei e Zelensky si sono parlati da vicino per una trentina di secondi, salutandosi con abbracci e pacche reciproche sulle spalle, segno di una svolta chiara della futura politica estera argentina per quanto riguarda il conflitto con la Russia. «Auguro al presidente Milei e a tutto il popolo argentino di sorprendere il mondo col loro successo. Sono sicuro che la cooperazione bilaterale tra Ucraina e Argentina continuerò a espandersi», ha scritto Zelensky dopo la cerimonia di insediamento di Milei. Nel corso di un’intesa mattinata di colloqui per cercare di aumentare il sostegno latinoamericano alla causa ucraina, Zelensky, aveva incontrato nell’ordine Santiago Peña, Luis Lacalle Pou e Daniel Noboa, rispettivamente presidente anche i presidenti di Paraguay, Uruguay e Ecuador.