Cosa ha detto il segretario Zingaretti su Pd M5s Tav e autonomia

Cosa ha detto il segretario Zingaretti su Pd M5s Tav e autonomia

04 Marzo 2019 15.17
Like me!

Dopo aver vinto le Primarie del Pd ed essere stato eletto segretario con il 65% delle preferenze, Nicola Zingaretti (leggi il profilo) è volato a Torino a incontrare il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino. E ovviamente ha parlato della Alta Velocità Torino Lione: «I bandi non si interrompano: sarebbe criminale pensare di perdere centinaia di milioni di investimenti e migliaia di posti di lavoro», ha dichiarato il neo segretario». E ha aggiunto: «Il governo giallo-verde gioca con i programmi come con le figurine. L'Italia sta pagando il costo dell'incertezza, di questa fase dell'immobilismo. Il Paese è di nuovo in ginocchio, i cantieri sono fermi, con questo governo l'Italia sembra avere smesso di scommettere sul suo futuro».

LA LEGA DI SALVINI È CONTRO GLI INTERESSI DEL NORD

«Avevamo iniziato a rimettere in piedi il Paese, non in maniera forse sufficiente, ma si era iniziato. Invece questo governo sta mettendo indietro le lancette dell'orologio e il costo di questa incertezza si scarica sulle famiglie e soprattutto sui giovani», ha argomentato Zingaretti: «L'Europa sta investendo sul proprio futuro invece l'Italia sembra avere smesso». Purtroppo il governo gialloverde ci ha fatto diventare gli ultimi in Europa. E anche la Lega di Salvini, radicalmente diversa rispetto alla Lega che c'era prima, è contro gli interessi del Nord e contro gli interessi produttivi».

PRESTO UNA PROPOSTA DEL CENTROSINISTRA SULLE AUTONOMIE

Zingaretti ha affrontanto altri temi di attualità: «Ho iniziato ad ascoltare i presidenti delle giunte regionali del centrosinistra, il prossimo passo sarà mettere in campo una nuova proposta di tutto il centrosinistra sul tema delle autonomie». Le parole d'ordine del nuovo segretario dem sembrano voler marcare una certa distanza con la precedente dirigenza: «In Italia si è aperta una nuova stagione, dobbiamo essere molto umili e molto molto molto uniti e dobbiamo produrre una grande innovazione insieme per ricostruire l'empatia con questo Paese, non con pacche sulle spalle ma dimostrando che con noi questo Paese cambia e dietro a parola cambiamento c'è il concetto di migliorare e non peggiorare».

VOGLIO PARLARE ANCHE A CHI HA VOTATO M5s E SALVINI

«Vogliamo unire l'Italia per renderla più forte», ha detto Zingaretti. «Voglio parlare anche ai tantissimi che hanno votato 5 stelle, che hanno votato Salvini, perché catturati da parole che guardavano alla speranza e al futuro e che cominciano a capire che non è così perché l'Italia si è fermata. Ora attendono segnali di coerenza che sono quelli di costruire una agenda per la crescita e il lavoro fondata sulla sostenibilità», ha aggiunto il neo segretario dem.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *